Alternativa Innesti

Alternative all’innesto osseo

Per evitare il più possibile i tradizionali protocolli chirurgici che prevedono tecniche invasive di ricostruzione, come il rialzo del seno mascellare e gli innesti ossei, nel corso degli ultimi anni gli studi sull’Implantologia si sono concentrati nel ricercare terapie rapide, semplici ed affidabili per risolvere casi complessi dove la quantità di osso residuo a disposizione per gli impianti dentali  è insufficiente (poco osso).

Le alternative all’innesto osseo nei casi di pazienti con poco osso prevedono impianti corti, impianti inclinati, impianti pterigoidei e zigomatici. Queste soluzioni chirurgiche a carico immediato offrono tempi rapidi di riabilitazione.

Impianti dentali corti

Si definiscono impianti corti quelli di lunghezza non superiore agli 8,5 mm. La quantità di tessuto osseo per potere inserire un impianto corto può però ritenersi sufficiente già a soli 5-6 mm.
Le indicazioni per il posizionamento di un impianto corto riguardano soprattutto i casi con poco osso dove vi sia atrofia ossea verticale (ossia una limitata altezza dell’osso residuo) situazione che sovente si verifica nelle aree posteriori di entrambe le arcate. Nella mandibola (arcata inferiore) in particolare gli impianti corti sono utilizzati per evitare il rischio di ledere il nervo alveolare inferiore, cosa che genererebbe una parestesia (insensibilità) permanente del labbro.

Qualora le condizioni del caso lo prevedano, rimane in linea generale valida l’indicazione di ricorrere ad un impianto corto per evitare al paziente interventi più complessi, quali il rialzo del seno mascellare o la ricostruzione ossea mandibolare con innesti o tecniche rigenerative.

Impianti inclinati o Trasversali

Il posizionamento inclinato degli impianti dentali permette di superare i limiti anatomici con i quali il chirurgo implantologo ogni giorno si confronta.

– Nel mascellare superiore (arcata superiore) l’inclinazione dell’impianto permette di evitare il recesso mesiale del seno mascellare.

– Nel mascellare inferiore (arcata inferiore) l’inclinazione dell’impianto permette di evitare l’emergenza del nervo alveolare inferiore.

Inoltre gli impianti inclinati, poiché  vengono ancorati in maniera ottimale nell’osso residuo del paziente, permettono  il carico immediato, protocollo che non sarebbe attuabile allorché si intervenisse con  tecniche di rigenerazione o di innesto osseo.

Ma in taluni casi clinici molto impegnativi  gli impianti corti o gli impianti inclinati non  sono sufficienti per ottenere garanzie di successo.  Queste situazioni che possiamo definire ”estreme” e che sono tipiche di pazienti che per molti anni hanno portato protesi mobili e che quindi hanno poco osso, possono essere risolte con l’inserimento di impianti zigomatici e/o pterigoidei.

Impianti pterigoidei

L’impianto pterigoideo è un impianto dentale che viene  inserito nell’area molare dell’arcata superiore e raggiunge il processo pterigoideo. L’osso in questa zona alle volte presenta delle caratteristiche atte a renderlo ideale  per un inserimento di un impianto ed assicurarne la perfetta osteointegrazione. L’impianto pterigoideo è quindi la  soluzione è ideale per evitare l’innalzamento del seno mascellare.

E’ però questo un tipo di intervento  estremamente specialistico che rientra nella casistica dell’Implantologia avanzata. Non pochi sono infatti i rischi di operare nelle vicinanze dell’emergenza di un’arteria molto importante quale è l’arteria palatina. Per questo motivo è di grande ausilio, per posizionare questi impianti, l’uso della chirurgia computer-guidata.

L’ impianto zigomatico è un impianto speciale molto lungo (da 30 a 50 mm.) che viene inserito nell’osso dello zigomo il quale ha una densità ossea molto elevata (potete leggere nei dettagli un caso clinico cliccando su: inserimento di un impianto zigomatico).

L’impianto parte dalla zona premolare o molare e, una volta raggiunto l’osso zigomatico, è possibile ancorarlo in modo stabile tale da potere procedere, anche nelle situazioni più estreme, con una riabilitazione a carico immediato.

L’inserimento di un impianto zigomatico è un intervento che, se viene eseguito secondo i protocolli tradizionali, è molto invasivo. Per questo motivo è auspicabile l’uso, anche in questi casi, della chirurgia computer-guidata che permette di posizionare questi impianti riducendo al massimo l’invasività chirurgica.

Nella chirurgia computer-guidata esistono purtroppo delle variabili che possono determinare delle differenze tra quello che è la posizione dell’impianto pianificata sul computer e la reale posizione finale dell’impianto nella bocca del paziente.

Questa discrepanza fa si che l’uso della chirurgia computer guidata per posizionare gli impianti pterigoidei e soprattutto zigomatici sia una procedura molto rischiosa, per l’odontoiatra non esperto

Impianti Dentali Zigomatici